Home DA SFOGLIARE Scapegrace: arriva il primo Single Malt

Scapegrace: arriva il primo Single Malt

49
0
La distilleria neozelandese lancia il primo whiskey Single Malt, che arriva in Italia grazie alla distribuzione di Meregalli Spirits

 

Scapegrace, il più grande marchio indipendente di liquori della Nuova Zelanda, annuncia l’uscita di gamma di Single Malt in edizione limitata. A inserirlo in listino è Meregalli Spirits, sostenendo così il movimento pioneristico del Single Malt neozelandese sulla scena mondiale.

La distilleria di Central Otago, situata tra i monti del lago Dunstan, offre a Scapegrace un clima e una qualità dell’acqua perfetti per la produzione del più nobile dei distillati. Il 45° parallelo (punto a metà strada tra l’equatore e il polo sud) attraversa proprio la distilleria, dando luogo a temperature estreme durante l’anno; un ambiente ottimale per l’invecchiamento di whisky.


 

Nel 2024 Scapegrace svelerà la sua lettura più importante del whiskey e nel frattempo produrrà una serie limitata di prodotti Single Malt. Tutte etichette numerate singolarmente e mai più riprodotte. Il co-fondatore e direttore marketing di Scapegrace, Mark Neal, afferma: «Il viaggio nel Single Malt è stato parte della strategia del marchio fin dalla sua creazione, con particolare attenzione al movimento pioneristico neozelandese sulla scena globale. Siamo entusiasti anche per questo di presentare la nostra prima edizione di Scapegrace Limited Release Single Malt».



Sono quattro le edizioni limitate create da Scapegrace e distribuite in Italia da Meregalli Spirits:

  • Rise I. Invecchiato in botti di rovere francese di primo passaggio presenta note di cannella, sentori di vaniglia e pane tostato imburrato
  • Chorus II. Invecchiato in rovere francese di primo passaggio, presenta note di fiori d’agrumi, unite a confettura di pere ed eleganti spezie.
  • Revenant III. Prodotto con grano Laureate affumicato con legno manuka.
    Al naso aromi di brace e fumo, seguiti da un finale di moka e cioccolato amaro.
  • Timbre IV. Invecchiato in rovere bulgaro, presenta note di mele al forno, prugne cotte e rimandi di vaniglia.