Home CIGAR SOCIAL CLUB Partagás Maduro No.3 & Bitter Roma Assoluto Silvio Carta

Partagás Maduro No.3 & Bitter Roma Assoluto Silvio Carta

26
0

Per il primo appuntamento di giugno, ho degustato un Partagás Maduro No.3 e in abbinamento ho scelto il Bitter Assoluto di Silvio Carta che nel 2022, ha ricevuto il prestigioso premio Ampolle d’Oro della guida Spirito Autoctono.

Il Sigaro


Partagás Maduro No.3

Habanos

Il sigaro, vitola de galera Maduro No.3 con le misure di 145 mm per 50 di cepo, si presenta con una capa maduro, dai toni bruni e lievemente venata. Al tatto risulta oleosa con un riempimento regolare. A crudo si avvertono cacao, caffè e cuoio.

La Degustazione

Nel primo terzo si percepiscono cacao, caffè e cuoio, con una forza media.

Nel secondo terzo il sigaro inizia a prendere corpo e, oltre agli aromi di caffè e cuoio in prevalenza, si percepiscono terra, aromi tostati e pepe nero in sottofondo.

Nel finale la forza è ben presente, con una predominanza di terra, cuoio e pepe nero, unita ad aromi tostati e note affumicate. Il sigaro presenta un’ampia complessità aromatica, un armonico equilibrio gusto-olfattivo, una continua evoluzione ed una lunga persistenza post fumata.

Un sigaro per amatori e consiglio di provarlo in abbinamento al Bitter Roma Assoluto di Silvio Carta.

Il Distillato


Bitter Roma Assoluto

Silvio Carta

Questo grande prodotto ha un colore rosso rubino intenso. Al naso si percepiscono note travolgenti di erbe aromatiche quali rosmarino, timo, salvia e ginepro, con arancia e tamarindo in sottofondo. Al palato subito risulta secco, ma dopo ha un’esplosione di aromi e si rivela deciso ed avvolgente, con una nota amara ben marcata che, abbinata ai puff del sigaro, crea un gioco di aromi coinvolgenti.

Un prodotto intenso, che si presenta da protagonista. Avvolto in un packaging che profuma d’arte, incarna i migliori sentori della Sardegna e delle sue erbe. Trasversale e democratico negli accostamenti, il finale agrumato e la nota predominante di amaro lo rendono perfetto anche utilizzato per la mixology.

Articolo precedenteDal Barolo per riscoprire le origini del vermouth
Articolo successivoDistillerie: l’Italia fanalino di coda dell’Europa
Classe 1981, abruzzese di nascita ma piemontese d’adozione, dopo gli studi inizia a viaggiare per lavoro e scopre un mondo che lo coinvolgerà sempre di più. I primi articoli li scrive oltre 10 anni fa per hobby e ad oggi è il suo lavoro. Giornalista e blogger, appassionato e collezionista di sigari e memorabilia cubane dagli anni 2000, cura rubriche che spaziano dal collezionismo, alle degustazioni e al vintage, all’interno di diverse riviste, si interessa anche di spirits, bollicine e vini, ossia tutto quello che si può abbinare ad un buon sigaro.