Home CIGAR SOCIAL CLUB Ambasciator Italico Torpedo & Brandy 1972 Distilleria Dott. Montanaro

Ambasciator Italico Torpedo & Brandy 1972 Distilleria Dott. Montanaro

28
0

Cari amici, per questo appuntamento ho selezionato due prodotti Made in Italy, l’Ambasciator Italico Torpedo e il Brandy 1972 Distilleria Dott. Montanaro, presente sulla Guida Spirito Autoctono.

Il Sigaro


Ambasciator Italico Torpedo

Ambasciator Italico

Il Torpedo di Ambasciator Italico uscito, sul mercato poco più di un mese fa, si presenta con una fascia colorado maduro, dai toni bruni ed uniforme. Al tatto risulta oleosa con un riempimento regolare. A crudo si percepiscono frutta matura e aromi tostati.

La Degustazione

Nel primo terzo si avvertono frutta matura, aromi tostati e legno, con una forza media.

Nel secondo terzo legno ed aromi tostati sono predominanti e fanno l’ingresso note speziate.

Nel finale la forza risulta medio forte e gli aromi percepiti si mantengono su un registro dolce, con una predominanza di aromi tostati, terra, spezie dolci e frutta matura.

Il sigaro presenta un’ampia complessità aromatica, una continua evoluzione ed una lunga persistenza post fumata.

Un sigaro per amatori, da fumare dopo i pasti in abbinamento ad un calice di Brandy 1972 della Distilleria Dott. Montanaro.

Il Distillato


Brandy 1972

Distilleria Dr. M. Montanaro

Il Brandy d’altri tempi Montanaro 1972, proveniente da vini locali a bassa gradazione ed alta acidità, rimane ad invecchiare in botti di rovere nel clima della val di Susa per oltre 36 anni. Dal colore giallo intenso, il Brandy del 1972 al naso ha profumo speziato tipico del legno. Si avvertono note più marcate dovute al lungo riposo in botte, miste a note più dolci e delicate. Al palato il gusto pieno conferma il profumo intenso, caldo con una lunga persistenza. 

Articolo precedenteSpirito Autoctono al World Aperitivo Day
Articolo successivoMontigiani lancia ExtravirGin con base l’olio EVO toscano
Classe 1981, abruzzese di nascita ma piemontese d’adozione, dopo gli studi inizia a viaggiare per lavoro e scopre un mondo che lo coinvolgerà sempre di più. I primi articoli li scrive oltre 10 anni fa per hobby e ad oggi è il suo lavoro. Giornalista e blogger, appassionato e collezionista di sigari e memorabilia cubane dagli anni 2000, cura rubriche che spaziano dal collezionismo, alle degustazioni e al vintage, all’interno di diverse riviste, si interessa anche di spirits, bollicine e vini, ossia tutto quello che si può abbinare ad un buon sigaro.